Hej-Boo

L'impatto della moda sull'ambiente sta diventando sempre più grande.
Ogni anno, nella ricorrenza della Giornata della Terra, riflettiamo sull'impatto che la moda ha sull’ambiente, e ogni anno ci ripromettiamo di acquistare meno, di scegliere (e far scegliere agli altri) produttori e prodotti realizzati con processi produttivi sostenibili, di preferire prodotti e designer “etici”.

Vogliamo giocare il nostro ruolo in questa partita, vogliamo provare a cambiare le nostre abitudini e i nostri comportamenti e fare un primo passo verso un mondo migliore.

Nel 2017, la Giornata della Terra è stata dedicata all'alfabetizzazione sull'ambiente e sul clima.
L'istruzione è la base per il progresso. E’ necessario formare una popolazione globale consapevole del fatto che il cambiamento climatico rappresenta una minaccia senza precedenti per il nostro pianeta.
Una più diffusa cultura ambientale contribuirà ad accelerare l'adozione di leggi e politiche per difendere il pianeta e il clima, accelerando la transizione verso una società “a basse emissioni”.

Quello che vogliamo provare a fare ora è cercare di educare i nostri ragazzi/e a un consumo di moda consapevole.

Per moda sostenibile si intende sia la produzione di vestiti, scarpe e accessori realizzata in modo sostenibile dal punto di vista ambientale e socio-economico, sia anche l’adozione di modelli di uso e consumo più sostenibili. Tutto questo richiede un cambiamento profondo negli atteggiamenti e nei comportamenti individuali.

Ed è da qui che vogliamo iniziare: condividere una visione per affrontare la moda dalla diversa prospettiva del consumo consapevole, creando una divisa scolastica che sia pratica, duratura, comoda, fresca e che faccia bene al mondo nella sua semplicità. Vogliamo che gli studenti abbiano una chiara comprensione di ciò che può essere fatto e quindi agiscano e siano il simbolo di una nuova rivoluzione, in cui il modo in cui decidiamo di fare le cose è la cosa più importante.

OVS seleziona e monitora tutti i fornitori in merito al rispetto delle normative in materia sia di questioni ambientali sia sui temi del lavoro (attraverso processi di controllo gestiti direttamente o attraverso programmi di controllo gestiti da terze parti, quali BSCI, Sedex, ecc.).

Tutti i fornitori sono o saranno coinvolti nella Sustainable Apparel Coalition (l'alleanza leader nel settore dell'abbigliamento, delle calzature e dell'industria tessile per la produzione sostenibile) attraverso l’adozione dell’indice HIGG da questa sviluppato, per permettere di misurare, monitorare e migliorare (con un modello di continuous improvement) le loro prestazioni in termini di impatto sui lavoratori, sulle comunità e sull’ambiente.

Tutti i capi di abbigliamento sono soggetti a test chimico-fisici, da parte di terze parti, per accertare che rispettino i limiti definiti sulle sostanze potenzialmente pericolose. Questi limiti sono più severi di quelli stabiliti dai principali regolamenti internazionali e sono adottati volontariamente dai nostri principali fornitori.
Oltre ai test diretti, viene utilizzata anche la Supply Chain certificata Oeko-Tex 100 standard (classe I e II).

Tutti i nostri capi in cotone sono certificati GOTS biologici.

Tutti gli indumenti in poliestere riciclato sono realizzati con PET riciclato da rifiuti post consumo e certificati GRS o RCS.

Ma un prodotto più sostenibile non è solo una questione di approvvigionamento: vogliamo realizzare e sviluppare un nuovo modello di consumo della moda, contribuendo in modo proattivo a un'economia circolare nel settore dell'abbigliamento.
Vogliamo raccogliere le uniformi usate ogni anno entro la fine dell’anno scolastico e riutilizzarle: alcuni articoli saranno ricondizionati e rimessi in vendite come capi "di seconda mano"; se questo non sarà possibile quelle uniformi verranno riciclate.
Il nostro obiettivo è estendere il più possibile la vita utile di ogni capo, riducendo così l'impatto della produzione sull’ambiente.
Ma vogliamo intervenire anche sulla distribuzione.
Se voi foste disposti ad accettare di concentrare le consegne delle uniformi scolastiche presso un unico indirizzo (se le scuole sono disponibili questo potrebbe essere l'indirizzo della scuola), saremo in grado di ridurre anche le emissioni di CO2 per il trasporto e la consegna.

Quello che noi vogliamo fare è provare a cambiare il modo in cui siamo abituati a comportarci e ad agire nei confronti della moda, e lo vogliamo fare tenendo conto del mondo in cui viviamo, e saremo molto felici di condividere questo nostro sogno con TE.